L’elettrolisi percutanea è una tecnica che fa parte della fisioterapia invasiva. È molto risolutiva e aumenta notevolmente l’efficacia della terapia, soprattutto nel dolore cronico. Di norma i risultati della EPM si ottengono già dopo 1 o 2 trattamenti.

È una tecnica praticata da un terapista specializzato in fisioterapia invasiva, la formazione é a Madrid (Spagna)   ed  é all'interno di percorso di master Universitario (San Paolo - Madrid- 60 ECTS) dove si apprendono tutte le tecniche della fisioterapia invasiva, che hanno lo scopo di trattare le parti molli quali tendini, muscoli, capsula, borse, nervi, borse sierose e legamenti.

L’Elettrolisi percutanea muscolo-scheletrica (EPI®, EPM®) o elettrolisi percutanea intratissutale è una tecnica molto precisa grazie alla guida di un ecografo, e consiste nell’applicazione di corrente galvanica attraverso un ago di agopuntura, che provoca un processo infiammatorio acuto controllato e locale che permette la fagocitosi dei tessuti danneggiati e la riparazione dei tessuti molli colpiti.

Elettrolisi Percutanea Terapeutica
Elettrolisi Percutanea Terapeutica
Elettrolisi Percutanea Terapeutica
Elettrolisi Percutanea Terapeutica
Elettrolisi Percutanea Terapeutica
Elettrolisi Percutanea Terapeutica
Elettrolisi Percutanea Terapeutica
EPM direttamente nell'ematoma in seguito a lesione muscolare


La tecnica EPI®, EPM® è indicata per:

  • Tendinopatie croniche (tendine rotuleo, tendine d’achille, pubalgia, epicondilite laterale/mediale,  cuffia dei rotatori, sovraspinato  …)
  • Borsiti (retrocalcaneare, deltoidea, achillea …)
  • Lesioni muscolari acute e croniche
  • Sindromi da intrappolamento dei nervi periferici
  • Impigement articolari
  • Tenosinovite (Sindrome di de quervain, tibiale posteriore …)
  • Periostite tibiale
  • Fascite plantare
  • Rottura acuta e cronica muscolare (fibrosi)
  • Punti trigger miofasciale
  • Distorsione del legamento: collaterale mediale del ginocchio e talo fibulare anteriore della caviglia
  • Flexun del ginocchio (capsula articolare possteriore)
  • Sindrome del tunnel carpale, sindrome tunnel tarsale
  • Impingement della caviglia antero laterale e posteriore
  • Cicatrici aderenti e dolenti

Di norma questa tecnica viene applicata una volta alla settimana e il trattamento dura dai 45 minuti ai 60 minuti .

Associato a questa tecnica è inoltre importate svolgere altre forme fisioterapiche come il rinforzo muscolare, esercizi di controllo neuromuscolare e la fisioterapia convenzionale classica (miofasciale, diatermia, ....).

I vantaggi della tecnica sono:

  • È un trattamento preciso e locale e con l’ aiuto dell’ecografo viene applicato direttamente sul tessuto alterato e/o degenerato . Si è molto precisi grazie anche all’utilizzo del power doppler e l’elastografia.
  • Quando è difficile riparare il tessuto connettivo di un tendine o muscolo, la tecnica EPM® da origine ad un nuovo processo di proliferazione delle fibre collagene .
  • I cambiamenti nella struttura e il comportamento dei tessuti molli mecano-biologici sono immediate e in tempo reale.
  • L’efficacia è elevata (circa 80%) rispetto alla fisioterapia convenzionale (ultrasuoni, laser, tecnica Cyriax, terapia diatermica, onde d’urto, ecc) o medico (infiltrazioni o interventi chirurgici).
  • La frequenza di recidive è bassa

Nei casi più cronici l’elettrolisi può essere associata inoltre ad altre tecniche di fisioterqpia invasiva:

  • Neuromodulazione (NMP_e)
  • Microcorrenti 
  • Bioregolazione
  • Modulazione muscolare (IMS)
  • Correnti ad alto voltaggio (PES)

La tecnica è relativamente nuova (13 anni) e proviene dalla Spagna. Gli inventori e ideatori della tecnica sono José Manuel Sánchez Ibáñez, Francisco Minaya e Fermin Francisco Valera. Francisco Minaya e Fermin Francisco Valera hanno costituito MVClinic che in collaborazione con università San Paolo di Madrid hanno sviluppato i protocolli  di trattamento di ogni singola struttura basandosi su studi clinici e in studi in laboratorio. In 10 anni hanno formato piu di 3000 fisioterapisti spagnoli e hanno aumentato di molto le possibilità di guarigione per i pazienti soprattutto laddove le altre tecniche fisioterapiche hanno precedentemente fallito.

Anche se é una tecnica relativamente nuova esistono già diversi studi che ne evidenziano l'effetto positivo:

Ultrasound-guided percutaneous needle electrolysis in chronic lateral epicondylitis: short-term and long-term results

Ultrasound-Guided Percutaneous Needle Electrolysis and Rehab and Reconditioning Program for Rectus Femoris Muscle Injuries: A Cohort Study with Professional Soccer Players and a 20-Week Follow-Up

Randomized controlled trial comparing the effectiveness of the ultrasound-guided galvanic electrolysis technique (USGET) versus conventional electro-physiotherapeutic treatment on patellar tendinopathy

The interrater reliability of ultrasonography for Achilles tendon structure

Clinical results after ultrasound-guided intratissue percutaneous electrolysis (EPI®) and eccentric exercise in the treatment of patellar tendinopathy

Treatment of proximal hamstring tendinopathy-related sciatic nerve entrapment: presentation of an ultrasound-guided "Intratissue Percutaneous Electrolysis" application

The Effectiveness of Minimally Invasive Techniques in the Treatment of Patellar Tendinopathy: A Systematic Review and Meta-Analysis of Randomized Controlled Trials

Randomized, double-blind study comparing percutaneous electrolysis and dry needling for the management of temporomandibular myofascial pain

Studi condotti in Spagna hanno mostrato che un tessuto danneggiato può essere potenzialmente trattato per mezzo della procedura EPM® piuttosto che tramite intervento chirurgico, il che implica che il tendine interessato o l’area interessata sono in grado di guarire senza la necessità di un intervento invasivo.

La tecnica EPM® rispetto alla tecanica EPTE® (corrente a basso voltaggio) utilizza correnti ad alto amperaggio con ottimi risultati per quanto riguarda la modifica e miglioramento della qualità del tessuto danneggiato.

  

Tour Virtuale Studio


Seguici su Facebook e Instagram Fisioterapia Montebello Bellinzona
in FisioMontebello.ch c'è ancora di più ...

Gruppo Cuore Montebello

Logo Gruppo CuoreDa settembre 2010 è attivo il Gruppo Cuore Montebello. Il gruppo fa parte della fase III della riabilitazione cardiovascolare e ha lo scopo di migliorare e mantenere la condizione fisica in un ambiente motivante e stimolante.

... 

Leggi tutto

Collaborazioni Gruppo Cuore

Fondazione Svizzera di Cardiologia

 

Fondazione TicinoCuore

 

Fondazione Svizzera di Cardiologia

Argomenti Popolari

Servizi FisioMontebello

Riabilitazione Temporo - Mandibolare (AT…

Riabilitazione Temporo - Mandibolare

La riabilitazione ATM è un insieme di tecniche utilizzate in odontoiatria per correggere disfunzioni più ...

Leggi

Riabilitazione Oncologica e Cancer Care

Dal 15 ottobre 2015, la fisioterapia Montebello ha iniziato a collaborare con la Lega contro ...

Leggi

Terapia Manuale

Terapia Manuale La terapia manuale, come branca della medicina moderna, è nata nella prima metà dello ...

Leggi

In costruzione

Sezione in costruzione Stiamo lavorando per voi

Leggi